Eventi, Politica Lascia un commento

Stadtfest Wien 2011

Dal 27. al 29. maggio si terrà l’annuale Wien Stadtfest, la manifestazione con dibattiti, concerti e spettacoli nel centro di Vienna organizzata dall’ÖVP della capitale austriaca.

La Wien Stadtfest (il nome ufficiale è Stadt.Fest.Wien) venne organizzata per la prima volta nel 1978, sulla base di un progetto di Alf Krauliz, storico leader della gruppo viennese “Misthaufen” che l’aveva immaginata come una festa della cultura alternativa giovanile di quegli anni.

L’idea incontrò inizialmente una grande resistenza da parte del consiglio comunale viennese, ma venne poi ripresa da Erhard Busek, assessore dell’ÖVP dell’epoca, che la voleva sfruttare per guadagnare le simpatie dei giovani per il proprio partito. Il 29. Aprile 1978, in aperta concorrenza con la festa del 1. maggio dell’SPÖ, venne quindi organizzata la prima “festa della città di Vienna”.

Quest’anno la festa inizierà venerdì 27. maggio con un concerto di Kruder & Dorfmeister alle ore 20.00 sul palco principale della Heldenplatz. Sabato 28. maggio è dedicato alla musica pop e rock con il concerto di Christina Stürmer alle ore 20.30 sul palco di Heldenplatz.

Per gli amanti della musica viennese il palco a Michaelerplatz offre sia per il sabato 28. che domenica 29. maggio un programma molto interessante, tra cui Roland Neuwirth & Extremschrammeln (ore 19.15).

Il programma completo lo trovate sul sito ufficiale della Stadtfest Wien.

Cosa ne pensate di questa manifestazione? A quali concerti e spettacoli parteciperete?

Informazioni utili 19 commenti

I musei gratuiti di Vienna

Vienna è una città ricca di musei e offerte culturali, ma gli ingressi non sono economici. Un biglietto normale per entrare  all’Albertina costa per esempio € 9,50 e al Leopold Museum addirittura € 11.

Fortunatamente molti musei offrono giornate ad ingresso libero oppure è possibile utilizzare varie agevolazioni per i più giovani, grazie a cui effettuare una visita spendendo poco o addirittura nulla!

Di seguito una lista dei musei che offrono queste possibilità:

Il MAK (Österreichisches Museum für angewandte Kunst), è gratuito tutti i sabati.

Tutti i musei della città di Vienna, raccolti sotto il nome Wien Museum hanno ingresso libero ogni prima domenica del mese:

  • Wien Museum Karlsplatz (museo della città di Vienna)
  • Hermesvilla
  • Uhrenmuseum
  • Otto Wagner Pavillon Karlsplatz
  • Römermuseum (museo romano di Vienna)
  • Haydnhaus
  • Beethoven Eroicahaus
  • Beethoven Wohnung Heiligenstadt
  • Beethoven Pasqualatihaus
  • Schubert Geburtshaus (casa natale di Schubert)
  • Schubert Sterbewohnung
  • Johann Strauß Wohnung
  • Pratermuseum
  • Bibliothek der Modesammlung
  • Otto Wagner Hofpavillon Hietzing
  • Römische Baureste Am Hof
  • Ausgrabungen Michaelerplatz
  • Virgilkapelle
  • Neidhart Fresken

Inoltre per i giovani fino al 19. anno di età l’ingresso è gratuito anche per tutti i musei statali:

  • Albertina
  • Belvedere
  • Kunsthistorisches Museum (KHM) mit Museum für Völkerkunde & Theatermuseum
  • MAK
  • MUMOK
  • Naturhistorisches Museum
  • Technisches Museum Wien
  • Anatomisch-Pathologisches Museum
  • Österreichische Nationalbibliothek
  • Heeresgeschichtliches Museum

Ricordo infine che durante il corso dell’anno ci sono varie occasioni in cui è possibile vistare molti musei gratuitamente o almeno a prezzo ridotto:

  • Lange Nacht der Museen: in una lunga notte di apertura è possibile visitare tutti i musei di Vienna con un solo biglietto.
  • 26. Ottobre: il giorno di festa nazionale molti musei offrono un ingresso ridotto, inoltre è possibile visitare il parlamento e molti ministeri.

Se conoscete altri musei gratuiti di Vienna sarò felice di aggiungerli in questa lista!

Informazioni utili 13 commenti

Referendum 12.-13. giugno – Informazioni per gli italiani all’estero

Dopo le elezioni amminstrative conclusesi ieri, il prossimo appuntamento elettorale per tutti gli italiani è il referendum del 12 e 13. giugno.

Anche noi italiani all’estero abbiamo ovviamente diritto al voto, è però necessario prestare attenzione alle informazioni e le istruzioni da parte del ministero e dell’amabasciata (pubblicate in questo documento) per fare in modo che il voto sia valido.

Per cosa si vota?

I referendum per cui si vota sono 4, e riguardano le seguenti leggi:

  1. Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica (Abrogazione).
  2. Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito (Abrogazione parziale di norma).
  3. Nuove centrali per la produzione di energia nucleare (Abrogazione parziale di norme).
  4. Abrogazione della legge 7 aprile 2010, n. 51 in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale.

Chi può votare all’estero?

In base alla legge all’estero il voto viene effettuato per corrispondenza. Il diritto al voto tramite questa modalità viene dato a:

  • Gli elettori iscritti all’AIRE nei Paesi con i quali il Governo italiano ha stipulato apposite intese (l’Austria è fra queste).
  • Gli elettori termporaneamente all’estero (quindi non iscritti all’AIRE) che abbiano fatto apposita richiesta presso gli uffici consolari (la scadenza era l’8 maggio 2011).

Per informazione riporto che il termine per fare richiesta di esercitare il proprio diritto di voto in Italia è scaduto il 14. Aprile.

Come si vota?

Il voto viene effettuato per corrispondenza attraverso le seguenti modalità:

  • L’ufficio consolare invia per posta a ciascun elettore un plico contenente:
  • Il certificato elettorale
  • Le 4 schede elettorali (di colore diverso per ciascun quesito)
  • Una busta piccola completamente bianca
  • Una busta affrancata recante l’indirizzo del competente ufficio consolare
  • Un foglio informativo
  • L’elettore esprime il proprio voto tracciando un segno sul retangolo della scheda che contiente le parole SI o NO utilizzando ESCLUSIVAMENTE una penna biro di colore blu o nero
  • Le 4 schede vanno inserite nella busta piccola completamente bianca che deve essere accuratamente chiusa e contenere solo ed esclusivamente schede elettorali.
  • Nella busta più grande già affrancata l’elettore inserisce il tagliando del certificato elettorale e la busta piccola chiusa contente le schede votate.
  • La busta già affrancata cos’ confezionata deve essere speidta per posta, in modo che arrivo all’ufficio consolare entro (e non oltre) le ore 16 del 9. giugno.
  • Le schede pervenute successivamente al suddetto termine non potranno essere scurtinate e saranno incenerite.

In caso di mancata ricezione del plico elettorale entro il 29 maggio, è necessario recarsi di persona all’ufficio consolare di riferimento per verificare la propria posizione elettorale: nel caso in cui i nominativi già figurino nell’elenco degli elettori in possesso dell’ufficio consolare, si potrà ottenere un duplicato del plico elettorale, mentre in caso contrario si potrà chiedere al Consolato di attivare le procedure per essere aggiunti all’elenco degli elettori.

In base agli ultimi avvenimenti non è ancora chiaro se il referendum includerà anche il quesito numero 3 riguardante le centrali nucleari. La Corte di Cassazione si esprimerà in merito solamente verso il 25. – 30. maggio, e quindi non è chiaro come si svilupperà la situazione per gli italiani all’estero visto che in tale data i plichi elettorali dovrebbero già essere stati consegnati, vi terrò aggiornati.

Eventi Lascia un commento

“La Storia” d’Italia al Filmmuseum di Vienna

Per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia, il filmmuseum di Vienna propone dal 12. Maggio al 19. Giugno una rassegna cinematografica dal titolo “La Storia”.

Il filo conduttore dei film è il racconto della storia d’Italia attraverso il cinema tramite i film che riflettono sui momenti importanti che hanno segnato il Paese. La rassegna diventa quindi un modo per riflettere sia sull’evoluzione della storia d’italia che del cinema italiano.

La retrospettiva si incentra su 30 film nei quali viene rappresentata la storia d’Italia: oltre a classici del cinema come Paisà di Roberto Rossellini, Fiamma che non si spegne di Vittorio Cottafavi, Il gattopardo di Luchino Visconti o Una vita difficile di Dino Risi, verranno proiettate opere riscoperte come O sole mio (1946) di Giacomo Gentilomo, Il terrorista (1963) di Gianfranco De Bosio e Segreti di stato (2003) di Paolo Benvenuti.

Non mancano film epici come 1900 di Bernardo Bertolucci o Noi credevamo di Mario Martone e riflessioni sul carattere nazionale come il capolavoro di Totò Siamo uomini o caporali di Camillo Mastrocinques o Todo modo di Elio Petris.

Il programma completo della rassegna lo trovate sulla pagina ufficiale del filmmuseum ()

Per la visione è necessario essere soci del filmmuseum tramite la tessera annauale (€ 12,50). Il costo dei singoli film è di € 5,50. Eventualmente è possibile acquistare un blocco da 10 film per € 43,00.

Per i non soci è possibile acquistare un biglietto giornaliero (€ 9,50), valido per tutti i film della giornata (Maggiori informazioni sui costi).

Cosa ne pensate della scelta dei film? Prenderete parte alla rassegna?

Abitare a Vienna 121 commenti

Stanze e appartamenti in affitto a Vienna: informazioni e consigli

Trovare un alloggio per dormire è uno dei problemi iniziali più difficili per molti italiani appena arrivati a Vienna.

Sebbene Vienna sia una città relativamente grande e quindi con molti appartamenti a disposizione, allo stesso tempo c’è anche molta richiesta.

Per aiutarvi ho raccolto alcune informazioni utili per chi è alla ricerca di una stanza o appartamento a Vienna.

Stanza o appartamento?

Se pensate di rimanete solo per un breve periodo di tempo e non volete spendere molto conviene cercare una stanza in una cosiddetta WG (da Wohngemeinschaft), ovvero un’appartamento condiviso con altre persone. Questa modalità di alloggio è molto diffusa a Vienna, soprattutto fra studenti, ma sono molti quelli che anche dopo aver finito l’università continuano a vivere insieme.

I vantaggi di questo tipo di sistemazione sono i costi più contenuti e la possibilità di conoscere da subito qualcuno a Vienna e fare così quattro chiacchiere quando si vuole. Gli svantaggi sono ovviamente dover vivere con altre persone e quindi dover condividere cucina, bagno e soggiorno anche quando si vorrebbe un po’ di pace dopo una lunga giornata di lavoro o studio.

L’altra possibilità è il classico appartamento. A Vienna gli affitti, anche in zone abbastanza centrali, non sono carissimi come in altre città in Europa, e so per esperienza che con 400-500 euro è possibile affittare un monolocale. In un’appartamento tutto vostro avrete tutta la calma e l’ordine (o il disordine) che desiderate, con il rischio però che diventi una sensazione di solitudine, soprattutto se se siete nuovi in città.

Attenzione inoltre ai costi “nascosti” degli appartamenti che tra intermediario, cauzione, mobili e accessori per la casa potrebbero diventare molto cari (maggiori informazioni nella sezione “Costi aggiuntivi”).

In quale quartiere abitare?

Vienna non è così grande come molte altre capitali europee, ma abitare dall’altra parte della città rispetto a dove vi dovete recare per lavorare o studiare può comunque significare un lungo tragitto quotidiano.

Il primo consiglio è quindi di scegliere la zona dove abiterete in base ai vostri spostamenti quotidiani, e di controllare se vicino casa ci siano casomai mezzi di trasporto sufficienti (soprattutto la metropolitana).

Vienna è suddivisa in quartieri numerati dal 1. (Innenstadt) fino al 23. (Liesing), posizionati in forma concentrica a spirale. Non è facile dare indicazioni su quali possano essere i distretti “migliori” visto che ognuno ha i suoi aspetti positivi e negativi, ma vi posso dare qualche consiglio basati sulla mia esperienza personale:

  • il primo distretto è ovviamente quello più caro.
  • il 5. e 6. distretto li trovo personalmente molto carini (visto che ci abito), in posizione relativamente centrale e con prezzi ragionevoli (insomma ve li consiglio).
  • il 7., 8. e 9. sono i quartieri più antichi e residenziali e per questo motivo anche abbastanza cari, ma è possibile trovare qualche occasione (soprattuto in WG).
  • il 10. distretto è un quartiere tradizionalmente dei lavoratori e popolare.
  • il 15. e 16. distretto sono abitati in predominanza da immigrati turchi che rendono molte vie con i loro negozi caratteristiche.
  • Il 13., 14., 21., 22. e 23. distretto sono ovviamente per la posizione geografica un po’ fuori dal centro città, quindi – sebbene più economici – potreste dover fare lunghi tragitti per arrivare in centro.
  • Il 18. e 19. distretto sono i quartieri residenziali di Vienna, con molte ville e appartamenti di lusso, e per questo motivo spesso molto cari.

Inoltre se possedete una macchina da non sottovalutare è che i distretti interni (dal 1. al 9. e il 20. ) sono “zona blu” (Blauezone) e tutti i parcheggi sulla strada sono a pagamento.

Costi e spese aggiuntive

Alla ricerca di un’appartamento o una stanza in affitto è bene tenere presente i costi aggiuntivi che si possono sommare alla spesa dell’affitto e che possono far lievitare velocemente il prezzo complessivo:

  • Spese condominiali (Betriebskosten): nell’affitto le spese condominiali sono quasi sempre incluse, ma leggete comunque sempre bene il contratto per non avere brutte sorprese.
  • Acqua e Gas: al contrario dei Betriebskosten, le spese dell’acqua e del gas non sono mai incluse nel contratto di affitto, e quindi devono essere pagate extra.
  • Intermediario (Makler): se cercate un’appartamento tramite un’agenzia o un’intermediario, quest’ultimo vorrà avere una provvigione che solitamente equivale a uno o due mensilità dell’affitto. Tramite un privato ovviamente questi costi non ci sono.
  • Mobili: spesso sia le camere in una WG che gli appartamenti vengono affittati senza mobili, quindi vi consiglio di informarvi prima e casomai valutare i costi per l’acquisto (e il trasporto) dei mobili nella vostra nuova casa.
  • Accessori per la casa: oltre ai mobili ovviamente bisogna pensare anche agli accessori per la casa. Mentre in una WG è facile che piatti, pentole e bicchieri siano già presenti, in un’appartamento è ovviamente necessario comprarli.

Dove iniziare a cercare una stanza o un’appartamento?

Se siete alla ricerca di una stanza in una WG, vi segnalo in particolare due gruppi con oltre 60.000 iscritti dove ogni giorno vengono pubblicati moltissimi annunci di stanze in affitto:

Se invece cercate un’appartamento per un lungo periodo ecco qualche altro sito:

Avete altri consigli per trovare una stanza o un’appartamento a Vienna?

Eventi, Notizie Lascia un commento

10 anni MQ & Popfest 2011

Nel fine settimana si terranno a Vienna due manifestazioni veramente interessanti (e gratuite): i festeggiamenti per i 10 anni del Museumsquartier e la seconda edizione della Popfest. Poichè entrambe si terranno quasi in contemporanea ho deciso di raccogliere le informazioni relative in un un’unico articolo.

10 anni Museumsquartier

Il MuseumsQuartier festeggia quest’anno i primi 10 anni di vita. Per questo motivo da Maggio ad Ottobre verrà offerto un programma culturare e artistico ancora più ampio rispetto agli ultimi anni. Il 5. e 6. Maggio si svolgerà una grande manifestazione per festeggiare questo evento. Ecco il programma delle manifestazioni più importanti:

5. Maggio
“Kons Goes Public”: a partire dalle 17.00 il conservatorio di Vienna si presenterà con concerti per grandi e piccoli. Alle ore 20.30 verrà suonata la prima assoluta della suite “Tanzendes Licht” di Markus Stockhausen con la coreografia di Darrel Toulon.

6. Maggio
18.00 : Russkaja in concerto & “Willkommen Europa” con Stermann & Grissemann
20.30 : Kraak & Smaak – “Electric Hustle” concerto del duo elettronico olandese

Il programma completo  della manifestazione lo trovate sul sito ufficiale del MQ.

Popfest 2011

 

Dopo il successo dell’anno scorso viene riproposta a Karlsplatz la Popfest dal 5. all’8. Maggio. La manifestazione si concentra sulla musica austriaca pop (alternativa-contemporanea), quest’anno con un occhio di riguardo in più per le artisti di sesso femminile.

Il programma dei concerti sul palco principale (di fronte alla Karlskirche) è il seguente:

5. Maggio
19:00 Skero & SK Invitational & Lylit
20:30 Gustav

6. Maggio
19:00 Trouble Over Tokyo
20:30 Violetta Parisini & Coshiva
22:00 Cafe Olga Sanchez

7. Maggio
19:00 Black Shampoo
20:30 Francis International Airport
22:00 Ja, Panik

8. Maggio
14:00 Legenden Brunch: Ernst Molden Allstar Band präsentiert: Maria Bill, Willi Resetarits, Peter Henisch, Sigi Maron & Robert Räudig
19:00 Son of a Velvet Rat
20:30 Ginga

Il programma completo lo potete trovare sul sito ufficiale http://popfest.at/

Oltre ai concerti nel pomeriggio delle varie giornate si terranno workshops e dibattiti su temi come “gender e musica pop”, “marketing musicale” e “futuro del gionranslismo musicale”.

Eventi, Notizie Lascia un commento

Istituto Italiano di Cultura – Programma Maggio

Anche a Maggio un programma pieno di eventi per l’Istituto Italiano di Cultura di Vienna.

Tutti gli eventi, dove non indicato altrimenti, hanno inizio alle ore 19.00. Per partecipare agli eventi è necessario avere la tessera di Socio del Club Amici dell’Istituto (costo 5 euro, annuale).

3. Maggio 2011 – Letteratura e Cinema

In me non c’è che futuro. Ritratto di Adriano Olivetti

Documentario di Michele Fasano, in italiano con sottotitoli in inglese.
Durata: 72 minuti.

10. Maggio 2011 – Teatro

L’altro figlio | La giara

L’altro figlio affronta il tema della maternità: Maragrazia soffre perché non riceve notizie dei due figli emigrati in America, ormai dimentichi di lei per via della ricchezza raggiunta. Ha con sé un altro figlio, sinceramente affe-zionato e buono. Vorrebbe prendersi cura di lei, ma la donna non lo considera veramente suo. Ne La giara il tema è il morboso attaccamento di Don Lolò ai beni materiali, la cui funzione supera però la visione del realismo verista, generando un effetto tragicomico.

A cura di Monica Giovinazzi e della Compagnia Marc’Aurelio

Biglietti € 8 – Soci del Club degli amici dell‘Istituto € 5

Info: www.rotehaare.at

17. Maggio 2011 – Teatro

Omaggio a Ettore Petrolini

L’arguzia, il non-sense, l’inventiva di Petrolini nei panni di Nerone, Salamini, Gastone.
Un vero divertimento!

A cura di Monica Giovinazzi e della Compagnia Marc’Aurelio

Biglietti € 8 – Soci del Club degli amici dell‘Istituto € 5

Info: www.rotehaare.at

18. Maggio 2011 – Concerto

Bach into myself

Suona Luca Ciarla (Violino)

25. Maggio 2011 – Presentazione monografia

Leggere, interpretare, tradurre Dante oggi in Europa

Presentazione degli atti dei convegni tenuti a Vienna e Roma.

Con Arnaldo Dante Marianacci (Ministero degli Affari Esteri, Roma) e Éva Vigh (Accademia d’Ungheria, Roma)

27. Maggio 2011 – Evento

Evviva i libri italiani!

Festa per la conclusione dei corsi di italiano dell’istituto.

30. Maggio 2011 – Conferenza

Il colore e la città

Un tema di restauro per l’architettura storica

Con Calogero Bellanca (Università “La Sapienza“, Roma), in italiano.

Eventi, Notizie Lascia un commento

Società Dante Alighieri – Programma Maggio

Il programma della società Dante Aligheri per Maggio comprendere conferenze, concerti, proiezioni di film e viviste guidate.

Maggiori informazioni le potete trovare sul sito ufficaile della Società Dante Alighieri di Vienna presso l’indirizzo: http://www.dante.at

4. Maggio 2011, ore 18.00

Conferenza di Christoph Schachner, liutaio.

5. Maggio 2011, ore 19.30

Vivaldi ed il suo tempo

Ehrbar Saal (Prayner Konservatorium, Mühlgasse 30, 1040 Wien).
Concerto in collaborazione con la “Österreichisch-Italienische Gesellschaft

7. Maggio 2011, ore 10.00

Visita al laboratorio del liutaio C.Schachner Heiligenkreuzerhof

11. Maggio 2011, ore 18.00

Torino ed il Regno di sardegna: la culla dell´Italia unita

Conferenza del dott. Paolo Arcuri

13. Maggio 2011, ore 14.00

Don Carlo

Proiezione del “Don Carlo” ,come completamento del corso sull’ opera della dott.ssa Alessia Remondi. Un pomeriggio musicale con buffet italiano.

18 Maggio 2011 ore 19:30

Amici Miei

A completamento del corso del dott. Nicola Balata “Grandi biografie – Mario Monicelli” Film„AMICI MIEI“(1975) con U. Tognazzi, A. Celi (Italiano con sottotitoli italiani)

21. Maggio 2011

Concerto aperitivo

Arie d’ opera con Claire Parizot e Iago Falck

25. Maggio 2011 ore 18.00

Il sorriso amaro della commedia all´italiana. Ricordo di Mario Monicelli (1915-2010)

Conferenza del dott. Nicola Balata

27. Maggio 2011 ore 15.00

Dante Sommerfest

Presso il Palais Pálffy

Politica Un commento

Sebastian Kurz sottosegretario per l’integrazione: cosa ne pensano gli italiani a Vienna?

Nei giorni scorsi ho seguito con molto interesse la discussione riguardante la nomina di Sebastian Kurz, studente di giurisprudenza di 24 anni, a sottosegretario alle politiche per l’integrazione (Staatssekräter für Integrationspolitik).

Kurz è un giovane politico che ha iniziato la sua carriera nella sezione giovanile dell’ÖVP, diventandone portavoce nazionale nel 2009. Nell’ottobre 2010 – sebbene l’ÖVP subisca una pesante sconfitta, anche a causa di una campagna elettorale disastrosa – entra nel consiglio comunale di Vienna (da ricordare la sua iniziativa della Geil-o-Mobil).

Del periodo da consigliere si ricorda solamente la campagna per estendere alle 24 ore il servizio della metropolitana, oltre a qualche uscita dispiacevole riguardo le prediche degli Imam che si dovrebbero tenere in tedesco e una polemica con il presidente della Comunitä isamlica in Austria, Anas Schakfeh, riguardo alla presenza di Moschee in Austria (al momento ce nè solo una, a Vienna).

Forse proprio grazie a queste uscite la dirigenza dell’ÖVP, negli ultimi tempi sempre più orientata verso destra per cercare di recuperare voti rispetto all’FPÖ, ha deciso di nominarlo come rappresentante del governo per l’integrazione.
Dopo la nomina, i giudizi su Kurz si sono subito divisi in due blocchi ben distinti: da una parte quelli che la vedono come una buona idea per dare finalmente spazio ai giovani in politica e in questo modo per raggiungere anche gli elettori più giovani, e il giudizio in generale è stato di “lasciargli il tempo di dimostrare quello che sa fare”.

Dall’altra parte in molti si sono chiesti quali siano le competenze di Sebastian Kurz riguardo ai temi dell’integrazione – e più in generale in campo politico nazionale, e se non fosse stato possibile trovare una persona più competente – e con più esperienza – per un ministero così delicato per l’Austria.

Anche il mio giudizio si colloca su questa seconda linea di pensiero: l’ÖVP dopo gli scandali delle ultime settimane, l’abbandono di Joseph Pröll e in generale la forte perdita di consensi negli ultimi anni, cerca di dare una nuova immagine al partito, ma questa sembra la strada più sbagliata. Sebastian Kurz è un politico con poca esperienza e senza competenze reali nel campo delle politiche di integrazione. Non riesco quindi ad immaginarmi come potrà fare un buon lavoro in questo campo.

Credo che una riflessione su questa nomina sia interessante anche per noi italiani dato che, sebbene non facciamo così notizia come altri stranieri, siamo pur sempre una minoranza in Austria da “integrare”.

Cosa ne pensate quindi di Sebastian Kurz e della sua nomina a sottosegretario?

Notizie Lascia un commento

Appunti di Pasqua 2011 a Vienna

La settimana prossima sarò in Italia per trascorrere la Pasqua in famiglia, rilassarmi dal lavoro e procurarmi qualche libro in italiano a prezzo ragionevoli.

Per questo motivo non ci saranno aggiornamenti almeno fino al lunedì di Pasqua, ma vi lascio qualche appunto su avvenimenti ed eventi a Vienna durante la settimana per coloro che trascorreranno la Pasqua a Vienna:

  • Per chi non ha avuto abbastanza da quelli natalizi, un giro dei mercatini di Pasqua può essere un’idea interessante per una bella passeggiata o per trovare qualche regalo. Quest’anno sono situati a Schönbrunn, al Freyung e “Am Hof”. Saranno aperti fino al 25. Aprile. (Maggiori informazioni)
  • Per amanti della musica classica e dell’opera si terrà da oggi fino al 25. Aprile il Festival Osterklang.
  • Il giorno di Pasqua verrà celebrata la messa in italiano nella Minoritenkirche, per gli orari potete visitare il sito ufficiale.
  • E dopo la messa vi consiglio un pomeriggio al Prater dove avrà luogo la festa “Im Prater ist der Osterhase los!”, per bambini e per adulti con teatro per bambini, karaoke, spettacolo di magia e molto altro ancora. (Maggiori informazioni).

Vi auguro quindi una buona Pasqua, a presto!

P.S. Se avete altri avvenimenti da segnalare per la settimana prossima potete farlo nei commenti.