Newsletter Lascia un commento

Si riparte

Ciao a tutti e ben ritrovati!

Alcuni di voi mi hanno scritto preoccupati non avendo ricevuto la newsletter nelle scorse settimane, forse non avevo scritto abbastanza in evidenza che mi sarei preso un periodo di pausa, scusatemi (mi ha fatto comunque piacere che ci teniate così tanto!).

Ho utilizzato questo tempo per raccogliere nuovi argomenti per le prossime newsletter, ma anche per fare un po’ di vacanza. A fine agosto sono stato in Stiria con la mia famiglia. Conosciuta come il cuore verde dell’Austria è una regione dove si respira ancora l’atmosfera di un tempo. Tanta natura, piccole città, paesaggi da cartolina. Mi ha fatto riflettere come spesso “noi viennesi” pensiamo che la nostra città sia il luogo dove tutto accade in Austria, mentre ci sono tante altre realtà, molto diverse tra loro, da non dimenticare. La Stiria è una regione che merita di essere esplorata per conoscere l’Austria da un altro punto di vista, tornerò sicuramente a parlarvene.

Ma torniamo a noi: in due settimane pensavo che non sarebbe successo molto in Austria, e invece ci sono vari aggiornamenti e segnalazioni da non perdere, partiamo.

Innanzitutto la situazione coronavirus, che purtroppo non si sta mettendo bene. In molti (anche io) pensavano che finalmente grazie ai vaccini saremmo potuto tornare a una vera e propria normalità. Purtroppo anche in Austria le vaccinazioni sono stagnanti, con circa il 60% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose. Il risultato è continuo un aumento dei casi giornalieri, ora arrivati a 1.500 in media, e si sta parlando apertamente di una quarta ondata. La maggior parte dei nuovi contagiati, come anche dei ricoverati in ospedale sono persone che non si sono vaccinate o sui cui i vaccini per motivi di salute non hanno avuto l’effetto sperato. Al momento non ci sono state ancora decisioni da parte del governo se la situazione dovesse continuare a peggiorare. Oggi riapriranno le scuole e si teme che fra due settimana ci sarà una vera e propria esplosione dei contagi.

Passando a qualche aggiornamento più strettamente politico, Sebastian Kurz è stato rieletto alla guida del partito popolare (ÖVP). La rielezione era decisamente scontata, ma ha fatto comunque alzare qualche sopracciglio la sua vittoria con ben il 99,4% (!) dei voti. Kurz ha sicuramente riportato il partito a successi che fino a pochi anni fa sembravano impossibili, ma ha stupito che gli scandali e le indagini degli ultimi mesi non abbiano scalfito per nulla il suo seguito. I sondaggi mostrano il partito popolare ancora saldo al primo posto a livello nazionale, e finché Kurz porterà i voti al partito, nessuno metterà in dubbio la sua leadership.

La settimana scorsa si è anche concluso il processo a Heinz-Christian Strache, ex-leader del partito della libertà (FPÖ) ed ex-vicecancelliere sotto il primo governo Kurz. Come sicuramente ricorderete si era dimesso dopo lo scandalo Ibiza, ma quello che è stato detto nelle registrazioni sta avendo ora le prime conseguenze giudiziarie. Il processo si è concluso in primo grado con una condanna a 15 mesi di reclusione per corruzione. Se verrà confermata in appello, sarà quasi sicuramente la fine della carriera politica di Strache.

Arriviamo ora a qualche aggiornamento sulla comunità italiana in Austria. Sono state pubblicate nei giorni scorsi le modalità per la presentazione delle liste dei candidati alle elezioni Comites (che vi ricordo si svolgeranno il 3 dicembre), i punti principali validi per l’Austria:

  • le liste devono essere formate da almeno 12 membri.
  • devono essere presentate alla Cancelleria Consolare di Vienna tra il 23 settembre e il 3 ottobre.
  • ogni lista deve essere sottoscritta da almeno 50 persone.
  • sia i candidati che i sottoscrittori devono essere iscritti all’AIRE e negli elenchi elettori per le elezioni Comites.

Tutti i dettagli li trovate sul sito web dell’Ambasciata. Vi ricordo che anche per votare è necessario iscriversi nell’elenco degli elettori entro il 3 novembre 2021 (qui trovate come fare)

Dopo la pausa estiva ricominciano anche gli appuntamenti del Club di Lettura, finalmente in presenza presso l’Istituto Italiano di Cultura di Vienna (sarà necessario presentare una certificazione 3G per accedere). Il prossimo appuntamento si svolgerà martedì 14 settembre, con il tema “I libri della mia estate”. Invece di discutere di un solo testo ogni partecipante avrà a disposizione 5 minuti per parlare di uno (o più) libri che ha letto in questi mesi e ritiene che siano meritevoli da condividere con gli altri partecipanti. La partecipazione è aperta a tutti, maggiori dettagli li trovate nella newsletter.

Infine qualche segnalazione di eventi “italiani” a Vienna:

  • Arriva anche a Vienna il documentario Paolo Conte – Via con me del regista Giorgio Verdelli. Musica, interviste esclusive, materiali inediti: un racconto ironico e appassionante su uno dei più grandi autori della musica italiana. Il film verrà proiettato dal 17 settembre presso il Votiv Kino, in italiano con sottotitoli in tedesco.
  • Il 20 settembre presso l’Hotel Regina si svolgerà la Selezione Doctor Wine, organizzata da Wein & Kultur. All’evento saranno presenti 22 produttori dall’Italia, premiati nella “Guida essenziale ai vini d’Italia” di e Daniele Cernilli (Doctor Wine). Qui le modalità di partecipazione.
  • Dal 4 settembre al 17 ottobre 2021 il FilmMuseum di Vienna dedica una retrospettiva al Neorealismo italiano. Ogni domenica verranno proiettati i grandi classici di questo periodo, come Ladri di Biciclette, Paisà o Roma città aperta. Tutte le proiezioni sono in italiano con sottotitoli in tedesco, qui il programma dettagliato.

Scritto da Paolo Manganiello

Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

0 Commenti

    Lascia un commento

    Con l'invio di questo commento si autorizza il trattamento dei dati personali per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nella privacy policy .