Paolo Manganiello
Newsletter Lascia un commento

Cosa ci attende domani

Se ripenso al calendario di un anno fa si prospettava una primavera ricca di eventi italiani. Il coronavirus era qualcosa di lontano e nessuno poteva immaginare la situazione in cui ci saremmo trovati ancora oggi.

Ma come sta la nostra comunità dopo tutti questi mesi? Sebbene i numeri dicano che è cresciuta (gli italiani a Vienna sono ora più di 12.000), l’impressione è che sia stata colpita duramente dalla pandemia.

Innanzitutto dal punto di vista economico: le attività commerciali gestite da italiani si trovano ormai a quasi ogni angolo della città, e il rischio è che molte faranno fatica a riprendersi quando gli aiuti statali non saranno più generosi come ora (lo stesso si può dire per i tanti che lavorano nel turismo).

Ma quello che mi sembra abbia più sofferto è l’ambito culturale e le possibilità d’incontro tra connazionali, praticamente ferme da un anno.

Penso per esempio agli eventi presso la libreria Hartliebs, alle compagnie teatrali e ai cori. Ma anche alle attività presso l’Istituto Italiano di Cultura, alla Minoritenkirche o presso la nuova Missione Cattolica Italiana.

Sono poche quelle che sono continuate online – e sinceramente non è la stessa cosa – mentre tutte le altre sono state costrette a fermarsi e ancora oggi non c’è una prospettiva su quando potranno ricominciare.

E penso che in una situazione come questa l’assenza a Vienna di associazioni italiane con una presenza forte e radicata si è fatta sentire più che mai (come anche del Comites).

La paura è che anche quando la situazione migliorerà molte delle iniziative faticheranno a ripartire e che ci vorranno anni prima che la Vienna italiana torni quella di prima. Certo non tutto è perduto, ma l’impressione è che la nostra comunità – già molto fragile – si sia in parte disgregata.

Ma forse sono io a essere troppo pessimista, e tra voi ci sono già tante nuove idee e progetti che stanno solo aspettando il momento giusto per partire. Se siete tra questi scrivetemi, mi piacerebbe sapere cosa ci attende domani.

“Ancora, e ancora fiorirà l’albero.
Questo soltanto voglio sapere,
di fronte al finale, sommesso splendore
di tutte queste foglie cadenti.”

Aggiornamenti Coronavirus
La Ampelkommision ha deciso che Vienna è di nuovo zona rossa. Anche se questo non ha conseguenze pratiche – le misure in vigore valgono per tutta l’Austria – è comunque un segnale di un passo indietro per la nostra città (al momento solo l’Alta Austria è considerata arancione, tutte le altre sono rosse).

La quarantena del Tirolo è stata prolungata di altri 10 giorni, fino al 3 marzo. Vi ricordo che le restrizioni prevedono in particolare che chiunque voglia lasciare la regione debba presentare un test molecolare o antigenico non più di vecchio di 48 ore.

A partire dal 1° marzo sarà possibile ottenere nelle farmacie dei kit per test fai-da-te da farsi a casa.  Ogni mese saranno a disposizione 5 test gratuiti a persona. L’idea è di permettere a chiunque di potersi testare in caso di sintomi sospetti. I risultati non saranno però validi per accedere alle attività commerciali a stretto contatto (come parrucchieri o estetisti). La possibilità di test gratuiti nelle farmacie convenzionate rimane invariata.

La settimana scorsa è iniziata a Vienna una nuova fase delle vaccinazioni: dopo aver concluso le case di riposo, hanno iniziato a ricevere i vaccini le persone “vulnerabili” (con patologie o disabilità), i lavoratori ad alto rischio (per esempio in laboratori) e tutti coloro dagli 80 anni in su (se sei già stato vaccinato/a raccontami come è andata, mi farebbe piacere raccogliere qualche esperienza in una delle prossime newsletter).

I numeri della settimana

  • i casi attivi in tutta l’Austria sono attualmente 14.077 (2.402 in più rispetto a sette giorni fa)
  • i ricoverati in ospedale 1.262 (-49), di cui 257 (-1) in terapia intensiva. I deceduti sono 8.386 (+175).
  • la regione con l’indice per 100.000 abitanti più alto è la Bassa Austria (157), seguita dalla Stiria (154), Carinzia (148), Vienna (144), Burgenland (133), Salisburgo (126), Alta Austria (111), Tirolo (90) e Voralberg (63).
  • il numero totale di persone che hanno ricevuto una vaccinazione sono 301.186 (3,88% della popolazione), di cui 62.813 (3,29%) a Vienna.
Il Praterstern si rinnova
Dopo quella legata al Naschmarkt è stato presentata anche una nuova idea per riqualificare la zona antistante la stazione del Prater. Il progetto prevede che venga ridotto il traffico e che si aggiunga un’ampia zona verde, con alberi e un ristorante. L’inizio dei lavori è previsto per l’autunno, l’apertura avverrà a metà 2022.
Paolo Manganiello

Scritto da Paolo Manganiello

Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

0 Commenti

    Lascia un commento

    Con l'invio di questo commento si autorizza il trattamento dei dati personali per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nella privacy policy .