Menu leonardo d'alessandro - consulenza commerciale
Comites
2 commenti
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Vota!)
Loading...

I risultati definitivi delle elezioni Comites di Vienna 2015

risultati-elezioni-comites-2015Il Ministero dell’Interno ha fornito i dati definitivi delle elezioni Comites svoltesi il 17 aprile 2015.

In Austria gli elettori potenziali – ovvero coloro che risultano iscritti all’AIRE – erano 17.966. Coloro che hanno inviato la richiesta di iscriversi alle liste elettorali per il Comites sono stati solamente 393 (!).

A tutti questi sono stati inviati i plichi elettorali, quelle pervenute in tempo per lo spoglio sono stati 225. Alla fine dello scrutinio i voti validi con cui è stata eletta l’unica lista presentatasi – Kommit – sono stati 208 (!).

Per chi ama le statistiche, questo significa che il numero dei partecipanti alle elezioni per il Comites di Vienna è stato del 2,19% degli italiani residenti in Austria (un risultato veramente sconfortante che dovrebbe far nascere qualche riflessione).

Le preferenze per i singoli candidati sono state le seguenti:

1. Lucina Di Meco: 64
2. Cecilia Lagomarsino: 42
2. Francesca Fraula: 86
4. Vincenzo Gennarini: 37
5. Barbara Corradini: 49
6. Dario Lombardi: 42
7. Luisa Doldi: 57
8. Juri Giannini: 16
9. Paolo Bonomi: 46
10. Vincenzo Iula: 11
11. Sabrina Scumaci: 49
12. Michael Hamberger: 71

Nel resto del mondo non è andata molto meglio: su un totale di 3.747.341 elettori possibili iscritti nelle liste AIRE si sono registrati al voto 258.544 cittadini (circa il 6.8% del totale).

Di questi 167.714 (pari al 64,9%), hanno fatto pervenire in tempo utile il plico elettorale al consolato di riferimento, portando la partecipazione effettiva al 4,46% .

I voti validi sono risultati essere 141.284, corrispondenti al 3,75% dell’elettorato.

email

Scritto da Paolo

Vivo a Vienna dal 2004 e mi occupo di programmazione, consulenza web e marketing. Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

2 Commenti
  1. paul scrive:

    in merito al referendum:
    bene, è vero, noi cittadini comunitari viaggiamo liberamente. ma poi stop. dov’è l’uguaglianza? per avere senso, questa comunità europea e per dare senso anche alla moneta unica, dovrebbe imporre delle regole comuni a tutti i paesi, come welfare, fiscalità ed altri accorgimenti che dovrebbero essere, date le proporzioni tra paese e paese, comuni. invece questa moneta, di fatto ha più valore per un tedesco che per un italiano, spagnolo greco o portoghese. fiscalità diverse, welfare differenti, salari diversi creano le differenze, che creano malcontento e malessere e portano la gente ad odiare l’europa, strumentalizzati e spinti da politici attuanti politiche demagoghe, che possono solo realizzare sé stessi attraverso odio, fomentando e dividendo. e questa europa non mi pare faccia nulla per evitare che ciò accada. bello il tuo pensiero, quanto an che lontano e, per il momento, utopico. spero fosse un desiderio e non una constatazione di fatti, altrimenti dimmi dove vivi.

    1. paul scrive:

      purtroppo avete già chiuso i commenti, dopo 11 giorni, eppure un argomento attuale ed interessante. ho dovuto per forza risponderti, senza polemica, non me ne volere. spero di ricevere una tua risposta, sono molto curioso.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Iscriviti alla newsletter di QuiVienna e ricevi GRATIS la guida esclusiva Vienna Low Cost!
Non mi interessa