Menu leonardo d'alessandro - consulenza commerciale
Alex Stacchini
Storia dell'Austria
7 commenti
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (1 voti)
Loading...

Carlo I d’Austria: il giovane imperatore che tentò di fermare la guerra

A Vienna, così come in Austria, la ricorrenza del centenario della Grande Guerra è passato sottotono rispetto ad altri luoghi simbolo, come in Friuli, in Trentino ed in Slovenia.

Uno dei motivi potrebbe essere la pesante eredità che gli austriaci avvertono su di loro (anche se la responsabilità maggiore è attribuibile ai tedeschi), ma nel panorama complessivo degli avvenimenti non possiamo dimenticare che ci fu un personaggio di primo piano che lavorò incessantemente per far cessare, come affermava papa Benedetto XV, “ l’inutile strage”.

La storia del “gentiluomo europeo”, l’imperatore Carlo I d’Austria, è sconosciuta ai più e, soprattutto in Italia, la sua immagine è offuscata dalla propaganda anti-austriaca del periodo belligerante. Invece, per una corretta e completa visione di quel periodo, è importante ricordare i fatti di quello che è passato alla Storia come “L’affaire Sisto”.

L’INIZIO – Già con il proclama ai suoi popoli, l’imperatore Carlo (salito al trono alla fine del 1916) espresse immediatamente il suo programma di governo:

“ (…) Voglio fare di tutto per bandire, nel tempo più breve, gli orrori e i sacrifici della guerra e rendere ai miei popoli i benefici scomparsi della pace, non appena me lo permetteranno l’onore delle armi, le condizioni vitali dei miei stati e dei loro fedeli alleati e la testardaggine dei nostri nemici”.

Fu così che attuò sin dall’inizio una rivoluzione interna alla Corte, sostituendo i belligeranti e filo-tedeschi Capo di Stato Maggiore (Conrad von Hoetzendorf) ed il ministro degli Affari Esteri (Istvan Burian) con Arthur Arz-Straussenburg e Ottokar Czernin, due personalità più in linea con l’imperatore.

In più Carlo ha già nel cassetto un piano elaborato da tempo per cercare una pace separata con la Francia e la Gran Bretagna, in accordo con Sisto di Borbone-Parma, cognato dell’Imperatore (sposato con Zita di Borbone-Parma).

Nonostante questi prestasse servizio per l’esercito transalpino, di stanza in Belgio, (in quanto egli dichiarò fin dallo scoppio del conflitto che un Borbone sarà sempre in primis un francese) egli sarà sempre legato all’Austria, non solo per ragioni familiari, ma per quella simpatia e fiducia che provava verso il nuovo monarca. In pratica, l’uomo giusto per tale missione.

LA MISSIONE – Carlo, che decise di tenere all’oscuro della missione il suo ministro Czernin, cominciò con l’operazione dalla fine del dicembre 1916, quando sia tramite intermediari, sia con incontri diretti a Vienna, consegnò al principe Sisto delle missive (scritte o orali) da presentare ai governanti di Francia e Inghilterra.

Nel suo peregrinare tra Francia, Svizzera, Austria, Inghilterra il principe Sisto incontrò sia personaggi che lo appoggiarono (come il presidente della repubblica francese Poincaré ed il primo ministro Briand e, più tiepidamente, anche il re inglese Giorgio IV) ed altri che, palesemente, ostacolarono l’impresa, come l’austrofobo Alexandre Ribot (che dal 20 marzo 1917 prese il posto di Briand) e il premier inglese Lloyd George.

Ed è proprio in una lettera autografa dell’imperatore austriaco, consegnata da Sisto a Poincaré e al governo francese, che si può leggere chiaramente l’intenzione di Carlo di andare incontro alle richieste dell’Intesa (restituzione dell’Alsazia e della Lorena alla Francia, ricostituzione del Belgio ed altro, anche se non si fa menzione delle pretese italiane) e contrastare di fatto l’alleato germanico.

Le potenze dell’Intesa s’incontreranno quindi a St Jean de Maurienne il 19 aprile del 1917, per discutere i propositi dell’Imperatore e lì metteranno definitivamente la parola fine ai tentativi di Sisto, il quale il 25 giugno considerò terminata (e purtroppo fallita) la sua missione e tornò al proprio reggimento.

L’ERRORE FATALE – Nell’aprile del 1918, galvanizzato dalle vittorie delle Potenze Centrali, il ministro Czernin dichiarò al Parlamento che oltre ad essere forte l’alleanza con il Reich tedesco, la Francia l’anno precedente aveva avanzato una proposta di pace all’Austria.

La notizia fu trasmessa all’allora premier francese George Clemenceau, detto “la Tigre”, il quale per non apparire “un questuante della pace”, fece pubblicare la famosa lettera autografa di Carlo del 24 marzo 1917, creando così un terremoto politico che porterà definitivamente la Monarchia asburgica al declino.

Infatti Czernin pretese una dichiarazione firmata da parte dell’Imperatore che dichiarava falsa la lettera, in quanto non accettava che tutto questo fosse avvenuto alle sue spalle e a sua completa insaputa, e una volta ottenutala e mostratala ai tedeschi, fu rimosso dal suo incarico e sostituito con il ministro precedente (Burian); Sisto che tanto s’impegnò per l’augusto cognato si sentì ferito nell’onore.

Il Kaiser tedesco Guglielmo II dal canto suo approfittò della situazione e chiese una rinnovata fiducia a Carlo, sulla base (dopo un incontro fra i due leader avvenuto nella cittadina belga di Spa) di un maggior impegno in campo militare e soprattutto economico. In pratica la Germania cominciava ad annettersi l’Austria … cosa che riuscì a Hitler vent’anni dopo.

UN UOMO DI PACE, CON PAROLE E FATTI – Il giovane Imperatore è stato dileggiato molto al di fuori dei propri confini, additato spesso come un’inesperta ed incapace guida in un momento tanto difficile per il suo Paese e per l’Europa. Sicuramente si è mostrato ingenuo, si è fidato troppo di qualche suo ministro (vedi Czernin) e di altri volponi della scena europea, ma nei suoi due anni di regno è riuscito a dare un segno tangibile di volontà pacificatoria, oserei affermare che è stato l’unico (oltre al papa Benedetto XV).

Ma era troppo tardi per realizzarla, soprattutto a causa di un’Inghilterra che voleva togliere dai giochi una Germania fin troppo forte dalla scena mondiale, per una Francia che non voleva saperne di reali cattolici e papalini, e un’Italia affamata di conquiste territoriali e con forti propositi espansionistici, ma soprattutto a causa di un alleato (Guglielmo II e il suo entourage) che credeva ciecamente alla vittoria finale e che stringeva nella sua morsa un’Austria-Ungheria allo stremo delle forze.

Se però ora l’Italia può vantare ancora una città meravigliosa come Venezia lo dobbiamo a Carlo che ne impedì il bombardamento, così come vietò l’uso dei gas sul fronte italiano, andando su tutte le furie quando venne a conoscenza che il comando tedesco lo fece utilizzare anche sui fronti austriaci.

A corte scelse di servirsi, lui e la famiglia imperiale, della tessera annonaria come i suoi sudditi per i pasti quotidiani; e in occasione dell’incoronazione quale Re d’Ungheria il pranzo di ricevimento composto di 18 portate fu interamente destinato al lazzaretto della capitale magiara.

Quella di Carlo I credo sia una figura da riscoprire, soprattutto in questo periodo di rievocazione e approfondimento della Grande Guerra, perché non fu unicamente un inascoltato “profeta di pace”, ma le idee moderne (e progressiste – almeno rispetto al conservatorismo del prozio Francesco Giuseppe) di un nuovo assetto dell’Europa avrebbero sicuramente giovato al futuro del nostro continente.

email
Alex Stacchini

Scritto da Alex Stacchini

Romagnolo DOCG, nasce lo stesso giorno di Mozart ma qualche anno più tardi. Collabora con un importante tour operator italiano per il quale viene spesso “inviato” a Vienna e in Austria, tanto da definirla ormai la sua seconda patria. E nell'attesa di diventare prima o poi cittadino viennese, prova a dare qualche consiglio su come scoprirla e amarla di più. Nella speranza che possano esservi utili.

7 Commenti
  1. egidio guidolin scrive:

    Sono felice di aver letto questo articolo, ed anche emozionato, non sapevo della storia. Sicuramente mi farò volentieri portavoce della cosa all’inaugurazione della mia mostra in aprile, sempre sul centenario ma con un taglio penso unico: “La vita dopo la grande guerra” l’arte del riciclo del materiale bellico. Grazie per le preziose informazioni.

    1. Alex scrive:

      Gentile sig. Guidolin,

      sono veramente felice che il pezzo che ho scritto possa esserle stato non solo di interesse, ma anche d’aiuto per una suo evento in tema della Grande Guerra.
      Troppe sono ancora le inesattezze storiche che circondano la figura dell’Imperatore Carlo, la riscoperta di una delle figure centrali della Prima guerra mondiale aiuterebbe a ristabilire un equilibrio storico della e nella nostra moderna Europa.

      Grazie per il suo intervento,

      Alex Stacchini

  2. Paolo rumetz scrive:

    complimenti per l’articolo dovrebbe essere ripreso in Italia per conoscere meglio quest’uomo sfortunato.
    Purtroppo anche alla fine del conflitto fu decisamente manovrato, mi riferisco alla tentata restaurazione in Ungheria dove si fidò ciecamentente dell’ammiraglio Horty che lo uso per le sue mire e lo portò a finire la sua vita sullo scoglio di Madeira.
    Ricordo un aneddoto che mio nonno raccontava quando ero piccolo. Lui era ufficiale di marina ( io e la mia famiglia siamo Triestini ) Dunque aveva combattuto su una nave della marina Austriaca il primo conflitto e in seguito per forza passò alla marina mercantile Italiana e in un viaggio verso il Brasile in una sosta a Madeira incontrò sulla riva L’imperatore che passeggiava con alcuni dei figli, mio nonno lo avvicinò e con la dovuta deferenza si rivolse a “sua altezza imperiale” il quale molto gentilmente gli fece notare che adesso era solo il signor Carlo Asburgo e invitò il nonno ad un caffè per chiedergli mille informazioni sulla situazione di Trieste e l’Istria dicendogli alla fine ,visto che la situazione descritta dal nonno non era idilliaca :” In questa guerra abbiamo perso tutti qualcosa io ma anche voi” .
    Solo un piccolo episodio ma di quelli che nelle famiglie vengono conservati e raccontati con grande importanza.
    Ancora Complimenti e sinceri saluti.
    Paolo Rumetz.

  3. ALBERTO scrive:

    Complimenti Alex per l’articolo, veramente interessante, aiuta a scoprire l’Imperatore Carlo poco conosciuto ai più. Il pezzo mi ha pure suscitato l’interesse ad approfondirne la conoscenza, a tal proposito, quale libro mi consiglia per iniziare ?
    Complimenti anche per il blog curato con passione, sempre molto interessante e utile.
    ALBERTO

  4. Alex scrive:

    Quando mi balenò nella mente l’idea di scrivere un pezzo dedicato all’ultimo imperatore, sinceramente fui assalito da un dubbio: potrà mai interessare ai lettori italiani la storia di Carlo d’Asburgo, in fondo solo una meteora nel panorama storico europeo del Novecento? Ebbene, i suoi tentativi per fermare l’orrore della Grande Guerra, e la personalità di uno dei primi veri fondatori di un’Europa moderna, mi hanno convinto di proseguire nel mio intento.

    Signor Rumetz: il suo aneddoto conferma non solo l’umiltà, ma l’accortezza e la lunghezza di vedute di Carlo (oltre alla sua umiltà). Per quanto concerne la vicenda dei due tentativi di restaurazione monarchica in Ungheria, l’imperatore rimase imbrigliato in quella cerchia di personaggi (politici e militari) che cambiavano casacca dalla sera alla mattina in base a dove spirasse il vento (vento inglese per l’esattezza). Una Ungheria asburgica avrebbe sicuramente fatto da argine ai nazionalismi nazifascisti e comunisti in voga negli anni Venti in Europa.

    Signor Alberto: per la redazione dell’articolo mi sono basato prevalentemente su due testi: “Requiem per un Impero defunto” (di François Fejtö) e “Carlo d’Asburgo – L’ultimo Imperatore” (di Roberto Colaoa). Le consiglio proprio quest’ultimo testo, in quanto è una biografia accurata e non “agiografica” come invece ne sono apparse ultimamente soprattutto dopo la beatificazione di Carlo nel 2004.

    Grazie per i vostri interventi e per i (spero meritati) complimenti :)

    Alex Stacchini

  5. Mario scrive:

    Ich wusste es nicht.
    Zu Ehren der edlen Carlo. (Onore al Nobile Carlo)
    Vielen dank für den artikel

  6. ALBERTO scrive:

    Grazie Alex e complimenti ancora.
    ALBERTO

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Iscriviti alla newsletter di QuiVienna e ricevi GRATIS la guida esclusiva Vienna Low Cost!
Non mi interessa