Curiosita' 2 commenti

Verde, giallo e rosso: i semafori in Austria!

semaforo-vienna-luci-rosso-verde-giallo-auto-macchina-strade-curiositaPer chi viene la prima volta in macchina in Austria, il funzionamento dei semafori può essere disorientante.

Vi rassicuro subito: i colori sono sempre quelli, rosso, giallo e verde, e anche il loro significato (rosso “fermi”, verde “muoversi” e giallo “attenzione”), ma le modalità in cui compaiono sono una particolarità austriaca interessante.

In Italia il semaforo è cosiddetto “a tre tempi”: in ogni fase è accesa solo una luce alla volta, quindi o rosso o giallo o verde. E’ un sistema utilizzato in nella maggior parte dei Paesi perchè considerato di più facile interpretazione.

In Austria invece il semaforo funziona “a cinque tempi”:

  • La prima fase è il rosso, con il significato di “fermarsi” o “rimanere fermi”.
  • Nella seconda fase si accende il giallo insieme al rosso, significa “attenzione sta per diventare verde”.
  • Ora il semaforo è verde, si può procedere con la circolazione.
  • Quando la fase di movimento sta per finire il verde lampeggia per 4 volte, ma la circolazione è ancora possibile.
  • Infine si accende il solo giallo, per indicare di iniziare a fermarsi e l’arrivo del rosso.

A scriverlo sembra effettivamente complicato, nel seguente video avete una spiegazione “visuale” (e dopo 2-3 semafori in Austria ci avrete fatto sicuramente l’abitudine):

Quella dei semafori è stranamente una delle (poche) regole che l’Unione Europea non ha unificato, infatti ogni Paese si può regolare come preferisce.

Qual è secondo voi il sistema migliore per i semafori, quello italiano o austriaco?

Immagine: (c) shutterstock / Victor Grow

Scritto da Paolo Manganiello

Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

2 Commenti

  1. pierfranci ha detto:

    Secondo me quello austriaco, qui a Grottaglie i semafori, comunque, sono a tre tempi ma hanno un countdown. Questo è un ottimo sostituto al metodo austriaco, infatti entrambi i metodi dovrebbero ridurre le percentuali di infrazioni e di incidenti (a Grottaglie è successo)

  2. Ranieri Ricci ha detto:

    Biasimo il sistema in uso a Romacapitale cui vanno soggetti i poveri turisti pedoni: dopo pochissimi secondi il verde pedonale diventa arancione e tale rimane per oltre un minuto. Si vedono i poveri turisti attendere il verde, poi iniziare l’attraversamento e poi tornare indietro per via dell’arancione. La sindaca stenta a mettere sui semafori l’indicazione numerica dei secondi a disposizione per attraversamento pedonale prima del rossi: perchè?

Lascia un commento

Con l'invio di questo commento si autorizza il trattamento dei dati personali per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nella privacy policy .