Pillole di Vienna Lascia un commento

E’ più facile amare le cose da lontano?

Non riesco più a distinguere se tutto questo mio amore, e la mia nostalgia siano verso qualcosa che esiste ancora, o se sia un sentimento rivolto al ricordo che ho degli anni trascorsi in Italia, piuttosto che all’Italia che mi accoglierebbe ora, se decidessi davvero di tornare a casa.

A volte mi basta pensare alla via di casa mia (dei miei), dove passando salutavo la fruttivendola che a giugno ha chiuso, il salumiere e sua moglie, che ormai da tempo non ci sono più, la droghiera, la lavandaia, i panettieri che resistono per fortuna, ma sono rimasti solo loro.

Oppure penso agli amici di sempre che mi mancano così tanto e che è così piacevole rivedere, come se il tempo non fosse passato, ma che vivono quasi tutti all’estero e se vivono in Italia hanno ritmi completamente diversi dai miei che ormai sono mamma.

Spesso penso anche ai Natali in famiglia che io tanto adoro e che non saranno mai più quelli di una volta, perchè i parenti che vi partecipavano sono quasi tutti morti e quelli ancora vivi non vogliono o non possono festeggiare insieme…

Forse è più facile amare le cose da lontano, quando sembrano irraggiungibili e quando ogni attimo è prezioso, perchè non è la quotidianità.

Continua a leggere su Mammitudine

Paolo Manganiello

Vivo a Vienna dal 2004. Da più di dieci anni racconto tramite QuiVienna questa città e tutto quello che succede in Austria, con un occhio di riguardo per la comunità italiana.

Scritto da Paolo Manganiello

Vivo a Vienna dal 2004. Da più di dieci anni racconto tramite QuiVienna questa città e tutto quello che succede in Austria, con un occhio di riguardo per la comunità italiana.

0 Commenti

Lascia un commento

Spunta questa casella se vuoi ricevere un avviso quando qualcuno risponde al tuo commento.

Con l'invio di questo commento si autorizza il trattamento dei dati personali per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nella privacy policy .