Menu
Paolo Manganiello
Pillole di Vienna
Un commento
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Vota!)
Loading...

20 anni all’estero: si resta ancora italiani?

Tutto è cominciato quando mia madre in visita diceva che le tagliatelle sapevano troppo di uovo.
Ho continuato a mangiarle con lo stomaco che si contorceva, e non per il gusto sbilanciato, perché, sinceramente, di quello non m’ero proprio accorta. E questo è il problema. No, non la pasta, che era una marca apparentemente italiana comperata a Monaco di Baviera.

Il problema è la mia italianitá. Quando arrivai qui, 20 anni fa a 20 anni, pensavo che la mia nazionalitá fosse un dato dogmatico, un assioma.

Io sono di origine garantita: padre sardo e madre calabrese, natali milanesi e allevamento brianzolo: è scritto nei miei pensieri, affetti primordiali, nel mio sguardo e sui peli delle mie braccia.

Pensavo sarebbe rimasto per sempre cosí. E invece ora, lentamente, si fa strada una nuova consapevolezza: non viene dalla noia di teorie astratte, viene da milioni di passi in un luogo che non è il mio Paese, quintali di Brezel e pane coi semi di zucca, stipendi formulati in un’altra lingua, Guten Morgen e Gute Besserung, 15 gradi minus che tagliano le mani, due figli che mi dicono NEIN, la bici che corre su mille “Radwege”, un documento da Berlino e tasse mai pagate altrove che al Finanzamt; calici di Helles e Abendbrot, Lidl, Penny, vecchi marchi nei cassetti e uscite serene coi capelli spettinati.

Succedono cose strane. Accade che guardo un film nostro e me ne sento inquietamente estranea: certo umorismo lo capisco, ma la comprensione si sta plasticizzando, i luoghi comuni piú ricordo che condivisione; capita che smonti l’importanza di un dettaglio, che beva – e apprezzi – il cappuccino dopo pranzo, che preferisca SAT.1 a Italia 1, e non concepisca un pasto con piú portate.

Dunque la questione è: cosa crea la nostra identitá di patria? Nascita, educazione, o esperienza di vita? Che cosa si diviene, quando questi fattori, col tempo, si sovrappongono? Nell’era di facebook e del mondo globale, come la quotidianitá altrove riesce ancora a conta minarci? Ed è forse un sollievo?

Continua a leggere su Non Solo Sissi

Paolo Manganiello

Scritto da Paolo Manganiello

Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

1 Commento
  1. Monica ha detto:

    Per chiarezza chiarisco che la lettera originale è di Rossella Pittorru, pubblicata sul blorum Italians del Corsera il 28 gennaio… da lì avevo preso lo spunto per il post sul mio blog :-)

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Con l'invio di questo commento si autorizza il trattamento dei dati personali per la finalità, con le modalità e nei limiti indicati nella privacy policy .