Menu leonardo d'alessandro - consulenza commerciale
Chiara
Visitare Vienna
Lascia un commento
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Vota!)
Loading...

Visitare il Prater di Vienna in 8, 4, 2 ore!

Non c’è Vienna senza Prater: con le sue centinaia di attrazioni, gli oltre sei milioni di metri quadrati di verde e la mitica Ruota Panoramica alta più di 60 metri, da cui godere di una suggestiva visione aerea della città, il Prater è una meta irrinunciabile in ogni viaggio a Vienna.

Soprattutto se il vostro è un soggiorno breve, è importante allora organizzare al meglio la vostra visita, concentrandovi sugli “imperdibili” e imparando le “scorciatoie” per evitare le (talvolta interminabili) file. Per chi ha i muniti risicati, la prima cosa da fare è quindi premunirsi!

Acquistate in anticipo i vostri biglietti per un giro sulla Ruota panoramica, così da risparmiare tempo prezioso: oltre alle informazioni relative alla data d’utilizzo, vi verrà richiesto il quantitativo suddiviso per adulti (9 euro) e bambini (3-14 anni 4 euro, sotto i 3 l’ingresso è gratuito).

Una volta effettuato il pagamento, stampate la ricevuta in formato PDF e ricordate di portarla con voi! – NB Se acquistate in contemporanea i biglietti per due o più attrazioni, potrete risparmiare fino al 15% del prezzo effettivo.

Perché abbiamo scelto la Ruota Ferris. Fare un giro sulla Ruota panoramica del Prater e ammirare Vienna dall’alto è davvero un’esperienza imperdibile, che vi permette di ammirare la complessa struttura urbana della capitale austriaca, autentico “museo a cielo aperto” per la varietà degli stili edilizi proposti, dal Gotico al Liberty fino a veri e propri capolavori avanguardistici.

Di più, la Ruota non è la “solita” giostra panoramica, che potete trovare ormai in ogni parco divertimenti: pensate che risale al 1896 , quando venne qui innalzata dall’ingegnere inglese Walter Basset: le cronache dell’epoca testimoniano lo stupore e la meraviglia dipinti sui volti dei tanti visitatori, che assistettero alla sua memorabile inaugurazione, e la paragonavano (o meglio, la dicevano persino superiore!) alla strabiliante Tour Eiffel dei rivali francesi. Risistemata nel 2008, la Ruota permette di fare una sorta di salto nel passato e rivivere le atmosfere fin de siécle delle sue origini .

Da non fare: Se siete di fretta, limitatevi al giro in Ruota ed evitate di fermarvi al pur caratteristico shop, che vende nostalgici manufatti in vetro o porcellana e, per gli amanti dei souvenir, alcuni simpatici modellini della Ruota: possono rappresentare un grazioso regalo, ma il tempo vola!

Scegliete le attrazioni. Sono ben 250 e quindi impensabile, a meno che non viviate a Vienna, farle tutte. Se avete i minuti contati, meglio accontentarsi di un piacevole girovagare all’interno del parco (a differenza di altri parchi divertimenti, l’ingresso è gratuito!) e magari dirottare su una delle giostre più libere.

Nel caso disponeste di una mezza giornata da dedicare al puro svago, munitevi di cartina del parco e selezionate le attrazioni, che più fanno al caso vostro: potrete trovare giochi adatti ai bambini e trenini in grotta e dell’orrore, sale da gioco e postazioni di tiro a segno, un labirinto di specchi, tappeti elastici e trampolini, simulatori di volo e un teatro delle marionette (Kaspeltheater), ma anche una pista di go-kart.

Per gli amanti delle emozioni forti sono imperdibili Bungee Jump, Turbo Boost, Space Shote, l’ottovolante Dakride Insider e Ejection Seat, oltre ad un Octopus che lancia a 18 metri d’altezza e uno Schwarze Mamba, che promette un tour a 80 km/h! Insomma, ce n’è davvero per soddisfare tutti i gusti e appagare ogni voglia di divertimento!

Il pranzo. Turisti fai da te? Nessun problema! All’interno del Prater l’offerta gastronomica è variegata, adatta a tutte le tasche e ad ogni tempistica: chi ama consumare un pranzo veloce, potrà puntare su uno dei chioschi gastronomici e acquistare qualche tipica salsiccia calda (Haße) da gustare all’ombra di uno dei meravigliosi alberi del parco, o su una caratteristica tavola calda, che per il piacere dei più piccini sforna di continuo patatine fritte e le saporite “Langos”, le frittellone zuccherate.

Se invece preferite ricavarvi qualche momento per assaporare qualche pietanza della tradizione culinaria viennese, potrete scegliere una delle pittoresche trattorie, che si affacciano sul Prater, o un più raffinato ristorante: lo Stadtgasthaus Eisvogel risale addirittura al 1805 e propone alla sua clientela cucina viennese di alto livello, rinomata presso i migliori gourmet, a prezzi però non propriamente popolari.

Un’altra istituzione del Prater è il padiglione Vivus, ubicato dietro la Ruota panoramica, che assicura un’eccellente cucina entro un accattivante edificio in stile liberty; per i nostalgici ammiratori di Sissi, immancabile una cena al Lusthaus, l’ex castelletto di caccia imperiale; infine segnaliamo lo Schweizerhaus, il locale forse più apprezzato dai consumatori di birra, che permette di cenare in un ampio e curatissimo giardino, gustando le sue rinomate bionde artigianali.

Chiara

Scritto da Chiara

Sono cresciuta a pane e libri, e le mie prime esperienze viennesi sono state di tipo letterario, sulla scia dei resoconti dei suoi tanti ammiratori stranieri, specie dell’Ottocento. Per questo ancor oggi nei miei soggiorni a Vienna la città contemporanea si fonde con le memorie della capitale imperiale e le suggestive atmosfere della decadente nobiltà asburgica riempiono le mie passeggiate, talvolta trafitte dalle fulgide pennellate klimtiane.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.