Menu leonardo d'alessandro - consulenza commerciale
Tonya
Visitare Vienna
2 commenti
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Vota!)
Loading...

Il Duomo di Santo Stefano di Vienna: storia, architettura e curiosità

La cattedrale di Vienna – in tedesco “Stephansdom” – è uno dei simboli della città austriaca e del potere degli Asburgo. Ecco alcuni cenni storici, curiosità e informazioni utili per chi desidera visitarla.

Le torri del Duomo di Santo Stefano, la cattedrale gotica di Vienna, sono un punto di riferimento per chi si ritrova per la prima volta nelle viuzze della città antica. In qualsiasi momento, infatti, se hai qualche dubbio su dove andare, seguile con lo sguardo e ti “guideranno” verso il centro storico.

La posizione centrale del Duomo all’interno della cittadina non è casuale, è stata stabilita strategicamente affinché Vienna rappresentasse il centro nevralgico dell’Impero Asburgico.

“Stephansdom”, un po’ di storia

La cattedrale di Vienna vanta la visita di circa 3 milioni di persone all’anno, ed è un gioiello gotico fra i più belli non solo dell’Austria, ma dell’intera Europa Centrale. La sua costruzione ebbe inizio nel XII secolo, con l’obiettivo di sostituire la vecchia basilica romanica con un edificio più grande e imponente.Le uniche superstiti della precedente struttura sono le Torri dei Pagani e la Porta dei Giganti.

Lo stile del Duomo è abbastanza vario, e se l’impronta gotica primeggia ci sono diversi dettagli che la rendono una chiesa davvero unica, come la cupola rinascimentale costruita sulla cima della Torre nord e gli altari barocchi.

L’attuale “Pummerin”, storica campana della cattedrale, è invece il risultato della fusione di quella precedente, che cadde dal campanile spaccandosi in due a seguito dei bombardamenti del ’45. La sentirai suonare solo se ti trovi a Vienna durante un’occasione speciale, ad esempio il Capodanno.

Duomo di Santo Stefano, facciata e interno

Di fronte al Duomo, con lo sguardo all’insù, potrai ammirare le Torri dei Pagani, e la Porta dei Giganti. Quest’ultima si chiama così per via di un osso di mammut ritrovato durante gli scavi del XV secolo, considerato dai viennesi quello di un gigante annegato durante il diluvio universale. Della facciata esterna ricordiamo infine il tetto, rivestito da 250.000 maioliche che formano lo stemma degli Asburgo.

All’interno del Duomo, lungo ben 62 metri, potrai ammirare il Pulpito Gotico – firmato dall’architetto e scultore Anton Pilgram – la Madonna dei Servitori, la Madonna delle Lacrime e la Cappella di Santa Barbara (quest’ultima custodisce un’urna contenente le ceneri di alcuni caduti ad Auschwitz). Dalla cattedrale si ha accesso alle catacombe, situate sotto la piazza del Duomo.

Come raggiungere la cattedrale di Vienna

Situata nella “Stephansplatz”, la cattedrale è raggiungibile a piedi o in metropolitana, con le linee U1 e U3 (scendi alla fermata Stephansplatz).

Orari e giorni di ingresso.

  • lunedì – sabato dalle 6 alle 22
  • domenica e festivi dalle 7 alle 22

Quanto costa il biglietto d’ingresso?

L’ingresso è gratuito, ma durante le funzioni religiose non è possibile andare oltre la parte iniziale del Duomo.

Ci sono diverse possibilità di visite guidate, le tariffe variano in base alla scelta, all’età e al numero di partecipanti.

Per avere informazioni corrette e aggiornate vi rimandiamo al sito ufficiale www.stephanskirche.at

Hai trovato utile il nostro articolo? Attendiamo commenti e suggerimenti!

email
Tonya

Scritto da Tonya

Gestisco numerosi Blog e sono appassionata di Social Media Marketing. Amo viaggiare e considero Vienna una delle città più interessanti d'Europa.

2 Commenti
  1. Alex scrive:

    Ciao Tonya,

    trovo il tuo post ben realizzato, descritto in modo tale da far nascere la voglia al visitatore di visitare la splendida cattedrale di Santo Stefano. Però, mi domando se tu l’abbia mai visitata realmente…infatti l’ingresso NON è gratuito come tu affermi, ma si paga un biglietto d’entrata per poter ammirare non solo il pulpito gotico, ma la splendida pala d’altare (sempre gotica) di Wiener Neustadt, la tomba dell’imperatore Federico III, ed anche (per gli ospiti italiani ed in particolare partenopei) un quadro raffigurante San Gennaro.

    Dove è posizionato l’accesso a pagamento? Una volta che si è all’interno della chiesa, guardando verso l’altare maggiore troveremo davanti a noi una elegante grata di colore nero e, seguendola verso sinistra. si arriva al punto di accesso dove si può acquistare il biglietto (dal costo di € 5,50 per individuali ed € 4,00 se si fa parte di un gruppo di turisti adulti).
    Si può circolare gratuitamente nell’edificio solamente percorrendo la navata sinistra, ma non avendo così l’opportunità di scoprire le opere d’arte interne alla Cattedrale.

    I tanti turisti che accompagno a Vienna mi rivelano di cercare sempre sul web informazioni riguardante la capitale austriaca, e tanti mi mostrano le pagine “scaricate” da QuiVienna, sito del quale tu ed io siamo collaboratori, quindi trovo corretto scrivere dando informazioni corrette e precise e quindi solamente se si conosce fattivamente il sito di cui s’intende trattare, non traendo in errore coloro che si affidano a queste pagine.

    Alex Stacchini

    informazioni sul prezzo di ingresso al duomo all’indirizzo http://www.stephanskirche.at/index.jsp?menuekeyvalue=21&langid=1

  2. […] da non perdere il 24. Dicembre presso il Duomo di Santo Stefano la cerimonia della Natività a partire dalle 22:30 con cori di Natale e a mezzanotte il rintocco […]

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Iscriviti alla newsletter di QuiVienna e ricevi GRATIS la guida esclusiva Vienna Low Cost!
Non mi interessa