Menu leonardo d'alessandro - consulenza commerciale
Salute
2 commenti
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Vota!)
Loading...

La donazione degli organi in Austria

Forse non tutti sanno che in Austria la donazione degli organi è obbligatoria per legge.

In Austria infatti è in vigore fin dal 1957 tramite Krankenanstaltengesetz la cosidetta “Widerspruchsregelung” per la donazione degli organi. Questa prevede che tutte le persone decedute siano potenziali donatori degli organi, a meno che la persona non abbia espresso esplicitamente la propria contrarietà alla donazione.

Questa regola vale anche per tutte le persone di nazionalità straniera (quindi italiani compresi) che decedono in territorio austriaco. Se si fosse contrari alla donazionae è necessario iscriversi nel cosidetto “WIderspruchsregister” tramite la compilazione di un modulo apposito.

Nel caso di persone di nazionalità straniera che decedono in Austria è comunque solitamente usanza muoversi con cautela riguardo alla donazione degli organi e procedere solamente dopo essersi messi in contatto con eventuali familiari per la richiesta di un assenso.

In Italia esiste anche una legge sulla donazione degli organi (legge 91/1999) che prevede la cosiddetta regola del “silenzio-assenso“, ovvero che ogni cittadino italiano che non abbia espresso la sua dichiarazione di contrarietà venga considerato un possibile donatore di organi (esattamente come in Austria).

Per il momento però, i regolamenti di attuazione di questa legge sono stati emanati solo in parte, soprattutto a causa di forti pressioni contrarie da parte del mondo cattolico.

Per questo motivo vige ancora il principio dell’assenso o del dissenso esplicito. Ciò vuol dire che per ufficializzare la propria volontà di donare gli organi c’è bisogno di fare una di queste cose:

  • portare sempre con sé il tesserino blu inviato dal Ministero della Salute nel maggio 2000;
  • registrare la propria volontà presso gli appositi sportelli delle Aziende Sanitarie Locali e dei Comuni;
  • scrivere su un comune foglio bianco una dichiarazione di volontà alla donazione di organi e tessuti scritta riportando nome, cognome, data e luogo di nascita, data e firma;
  • iscriversi all’A.I.D.O.

In mancanza di questa dichiarazione i familiari più diretti saranno chiamati ad esprimere un assenso o dissenso.

Maggiori informazioni sulla donazione degli organi in Italia li trovate sul sito dell’AIDO.

Cosa ne pensate delle differenze nella regolamentazione per la donazione degli organi in Italia e in Austria?

email

Scritto da Paolo

Vivo a Vienna dal 2004 e mi occupo di programmazione, consulenza web e marketing. Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

2 Commenti
  1. Lidia scrive:

    Buono a sapersi, grazie per l’info! M’immaginavo già la faccia di un sanitario a rigirarsi tra le mani la mia tessera AIDO nel caso…ora so che non ci sarà bisogno di un interprete se dovessi finire sotto un tram.

  2. riccardo somma scrive:

    Ciao Paolo,

    vorrei sapere se è possibile usufruire di prestazioni sanitarie in Austria con la tessera
    sanitaria italiana , presso i medici di base e negli ospedali pubblici.
    grazie
    riccardo

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Iscriviti alla newsletter di QuiVienna e ricevi GRATIS la guida esclusiva Vienna Low Cost!
Non mi interessa