Menu leonardo d'alessandro - consulenza commerciale
Eventi
Un commento
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (5 voti)
Loading...

26 ottobre: storia ed eventi della festa nazionale dell’Austria

austria-festa-nazionale-ottobre-eventi-manifestazioni-programmaIl 26 ottobre è il giorno di festa nazionale austriaca, e sebbene ogni austriaco conosca la data, non sono molti quelli che sanno esattamente per quale motivo sia stato scelto questo giorno (provate a chiedere ai vostri amici e conoscenti). In effetti la storia riguardo alla scelta del 26 ottobre è abbastanza “complicata” ed interessante, e merita di essere raccontata.

Dovete infatti sapere che dopo la fine della seconda guerra mondiale e fino al 1955 – durante il periodo di occupazione delle truppe alleate – non venne festeggiato alcun giorno di festa nazionale.

In quell’anno ci fu però un’importante cambiamento in Austria:  il 15 maggio venne infatti presentato lo “Staatsvertrag“, con il quale l’Austria otteneva nuovamente la sovranità nazionale. Il documento per essere valido dovette prima venire approvato da tutti gli stati occupanti (Francia, Gran Bretagna, Unione Sovietica e Stati Uniti), cosa che avvenne il 27. giugno 1955.

In base agli accordi da quel giorno tutte le truppe straniere avrebbero dovuto uscire dal Paese entro 90 giorni. L’ultimo soldato straniero lasciò quindi l’Austria il 25. ottobre 1955 e il giorno seguente venne dichiarata la “neutralità” austriaca e inserita nella Costituzione. Nel 1956 il presidente del consiglio del tempo Heinrich Drimmel decise di creare un giorno di festa per ricordare questo giorno, chiamandolo “Tag der Fahne” (giorno delle bandiere).

Solamente nel 1965 il governo austriaco e il parlamento iniziarono una discussione su quale giorno dovesse venire dichiarato “festa nazionale”. Le date che vennero prese in considerazione erano le seguenti:

  • 12 novembre (fondazione della prima repubblica nel 1918).
  • 27 aprile (giorno della proclamazione dell’indipendenza austriaca da parte dei partiti austriaci nel 1945).
  • 15 maggio (presentazione dello Staatsvertrag).
  • 26 ottobre (decisione della neutralità austriaca).

A grande maggioranza venne scelto infine il 26. ottobre, che quindi da 52 anni viene festeggiato come giorno di festa nazionale austriaca.

Il programma 2017 a Vienna

Come ogni anno a Vienna il 26 ottobre ci sono vari tipi di festeggiamenti e attività per i cittadini. Quest’anno sarà la prima volta di Alexander Van der Bellen come presidente della Repubblica e (probabilmente) l’ultima di Christian Kern come cancelliere.

Presso la Heldenplatz si svolgerà la tradizionale presentazione dell’esercito austriaco con la cerimonia di giuramento delle reclute. Nella piazza sarà come sempre possibile vedere e “toccare” da vicino carri armati, elicotteri e molto altro.

Molti centri della politica austriaca e i ministeri apriranno le loro porte a tutta la popolazione:

  • Parlamento (dalle 9 alle 16) – presso la Ballhausplatz poichè l’edifico classico è al momento in fase di restauro.
  • Presidenza del consiglio (dalle 12 alle 17)
  • Corte costituzionale (dalle 13 alle 17)
  • Palazzo di giustizia (dalle 10 alle 18)
  • Ministero degli esteri (dalle 10:00 alle 14:00)

Vari sono inoltre i musei che in questo giorno permettono l’ingresso gratuito, tra cui:

  • Österreichische Nationalbibliothek (Prunksaal)
  • Heeresgeschichtliches Museum
  • Papyrusmuseum
  • Globenmuseum
  • Esperantomuseum
  • Weltmuseum (riaperto proprio ieri dopo un lungo restauro).

La lista completa la trovate in questo file.

Foto (c) shutterstock / RossHelen

Scritto da Paolo Manganiello

Vivo a Vienna dal 2004 e mi occupo di programmazione, consulenza web e marketing. Ho creato QuiVienna nel 2011 come luogo di raccolta di notizie ed esperienze per gli italiani a Vienna.

1 Commento
  1. Patrick ha detto:

    Grazie, da austriaco nato in Italia, che sa molto ma non tutto del proprio paese, non ricordavo del giorno della festa nazionale e del motivo preciso per il quale si festeggia il 26 Ottobre, anche se conoscevo gli eventi importanti che hanno portato all’indipendenza e neutralità del paese.
    Bell’articolo.

Lascia un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.